logo

 

Per qualsiasi richiesta di informazione o semplicemente per metterti in contatto con noi puoi inviarci un messaggio compilando il modulo sottostante. Ti risponderemo il prima possibile, grazie!

    Inserisci questo codice: captcha

    Scrivi quello che stai cercando:
    +39 02 515005 info@gponemilano.com

    Iscriviti alla newsletter GP ONE!

    Potrai usufruire di offerte speciali a te riservate e sarai sempre aggiornato su novità, eventi e promozioni dal mondo delle due ruote. Inserisci la tua email e let's join us!

      Inserisci questo codice: captcha
      Acconsento l'utilizzo dei miei dati personali ai sensi del D.lgs. n. 196/2003 ed al GDPR 679/2016.
      Missione compiuta – GP ONE MILANO
      58516
      post-template-default,single,single-post,postid-58516,single-format-standard,qode-core-1.1.1,suprema-ver-1.10,qodef-smooth-scroll,qodef-preloading-effect,qodef-mimic-ajax,qodef-smooth-page-transitions,qodef-blog-installed,qodef-header-standard,qodef-sticky-header-on-scroll-down-up,qodef-default-mobile-header,qodef-sticky-up-mobile-header,qodef-dropdown-default,qodef-fullscreen-search,qodef-search-fade,qodef-side-menu-slide-with-content,qodef-width-470,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive

      Missione compiuta

      Missione compiuta

      Dal 31 agosto al 3 settembre Lorena Bega e Valentina Bruno hanno percorso 1.000 km e sono state impegnate in un’impresa non comune per le Eva EsseEsse9+ ed Eva Ribelle, le moto 100 per cento elettriche costruite a Modena da Energica, note per le prestazioni brillanti, ma fino a oggi mai utilizzate per il mototurismo.

      Il Girls Energica Tour è nato quasi per gioco, e si è trasformato in un grande evento mediatico, con la condivisione di progetti ambientali patrocinati, come il tour, da Legambiente e Save the Planet.

      «Tutto è partito quando mio fratello – ha raccontato Valentina Bruno – ha deciso di aprire una concessionaria di moto elettriche in Toscana, e si è offerto di farmene avere una da provare qui, nella mia Ostuni. A quel punto mi sono chiesta, perché spedirla? Vengo io a prenderla, ma non voglio partire da sola».

      Ha fortemente voluto al suo fianco Lorena Bega, l’influencer milanese specializzata in moto e in missioni impossibili visto che «se qualcuno vuole realizzare un progetto folle, con qualche veicolo non convenzionale, chiama me».

      Tuttavia non tutto è stato semplice, il Covid-19 ha complicato tutto, fino a imporre un rinvio della partenza, inizialmente previsto a luglio.

      Lo slogan del Girls Energica Tour, 2 donne, 2 moto elettriche, 1 viaggio, 4 giorni, 1.000 km, 0 benzina, ha colpito nel segno e soprattutto centrato l’obiettivo di dimostrare che anche le moto non alimentate a benzina possono essere partner ideali in un viaggio, senza generare alcuna ansia per quanto riguarda l’autonomia.

      Ostuni 3 settembre 2020

      Scortate da un gruppo di motocicliste pugliesi nell’ultimo tratto della loro avventura, Lorena Bega e Valentina Bruno hanno concluso il primo viaggio tutto femminile e tutto italiano a emissioni zero prima della conferenza stampa.

      Davide Cervellin, Chief Marketing & Data Officer di Telepass ha dichiarato «da 30 anni alza le sbarre in autostrada, ma negli ultimi tre ha aggiunto nuovi servizi, fruibili attraverso Telepass Pay e una app dedicata. Si possono noleggiare monopattini, prenotare un treno o un lavaggio auto o moto a domicilio e molto altro ancora. Lorena e Valentina lo hanno dimostrato, trasformandosi nelle nostre ambasciatrici ideali. La nostra speranza – ha aggiunto Cervellin – è che nel 2030 si possa fare mototurismo in modo più sostenibile».

      Un auspicio che non può che essere condiviso da Ruggero Ronzulli direttore di Legambiente Puglia «la testimonianza vivente che quello che Legambiente sostiene da 40 anni è possibile». Questo è naturalmente il primo passo, ma «una mobilità sostenibile in scala più grande può essere una realtà molto vicina – ha aggiunto Ronzulli – bisogna soltanto crederci».

      L’avventura di Lorena Bega e Valentina Bruno è partita con una prima ricarica con energia proveniente da fonti rinnovabili, effettuata alle colonnine Enegan di Vinci, che ha dato vita anche a Save the Planet, che ha confrontato l’impatto ambientale del tour 100 per cento elettrico, con quello di due moto tradizionali e con prestazioni equivalenti, impegnate sullo stesso percorso.

      Nel corso della conferenza finale di Ostuni, il direttore Rete Vendita di Enegan Vincenzo Campa ha confermato che il bilancio consuntivo evidenzia un risparmio pari al 94 per cento delle emissioni di CO2 nell’ambiente è riferito a ricariche effettuate con energia proveniente da un mix energetico.

      Il Girls Energia Tour ha definitivamente portato fuori dall’ambito urbano la moto elettrica, che si candida pertanto al futuro ruolo di unico veicolo a due ruote dei motocilisti, ma in che cosa differisce da una moto convenzionale, rumore a parte?

      La risposta al quesito posto da un giornalista è arrivata da Lorena Bega: «Le esperienze sono evidentemente diverse, non c’è il cambio e bisogna prendere confidenza con il notevole freno motore che interviene appena si chiude l’acceleratore, contribuendo a rigenerare energia e ricaricare la batteria. La guida è diversa, ma comunque divertente, perché le prestazioni ci sono eccome. La differenza che mi ha colpito di più? L’assenza di vibrazioni e calore. Oltre all’impagabile soddisfazione di vedere scorrere le aree di servizio autostradali senza doversi fermare a fare il pieno di benzina».

       

      Trovate qui il video del TOUR